[VS] Orly Lemonade vs Mesauda #79

C'è poco da fare, il giallo o lo si odia, o lo si ama. Sicché, ho pensato che magari alle amanti del giallo in ascolto - ammesso che ve ne siano -  potesse far piacere un altro punto di questo colore così acceso, il Mesauda #79.


Mesauda è una ditta italianissima che sta prendendo piede in questi ultimi due anni. Il mio primo acquisto risale ad un paio di anni addietro, una coppia di smalti presi al mercato, fuori città, in prossimità dell'Epifania. Tornata a Roma, il nulla. Adesso, invece, tutti i negozi di forniture per parrucchieri della mia zona hanno un espositore della Mesauda ben fornito! Evviva! Quello che vedrete in foto è il numero 79, un bel giallo acceso. Secondo me è il colore del polline: al suo confronto, emerge il delicato pastello dell'Orly e spicca la sua finitura superlaccata e superlucida. No, non c'è il top coat. Fidatevi. Stesura facilissima, durata nella media e pennello a prova di errore. Anche il prezzo di Mesauda è più che concorrenziale: 3 euro a boccetta. Certo, questa tinta non si avvicina a Orly Lemonade, però se vi tenta il giallo, volete provarlo e non vi va di spendere un patrimonio per un colore che potrebbe non piacervi, è una spesa più che gestibile. Vi lascio alle foto!

 













 Uh? Quale dei due preferisco? Sinceramente non lo so! Certo, un giallo nel forziere degli smalti può bastare e avanzare, specie se non ci si abbronza (come la sottoscritta). Sta a voi. Io sceglierei sempre e comunque l'Orly, per il risultato più discreto e particolarissimo. Se, invece, volete qualcosa che si può avvicinare di più a Mimosa di Chanel, senza privarvi di un rene, il Mesauda è quel che fa per voi. Ci vediamo alla prossima puntata, vado a farmi un tè, ché oggi siamo rientrati di colpo nell'inverno! Alla prossima. 
Grazie per aver letto fin qui!
Acque pacate e dolci risate finché non ci rincontreremo Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

7 commenti:

  1. Mhm, non sono da giallo ma tra i due preferisco il Mesauda perché è più acceso. La coerenza va a farsi benedire.
    Brand a me ignoto, ma indagherò qui in giro. Me curiosa! Notizie sull'inci?

    ReplyDelete
    Replies
    1. non contengono canfora, toluene, DBP e formaldeide. Ovviamente, si sono trasferiti ad un tiro di schioppo da dove lavoravo fino a pochi mesi fa... %&/#§ç*!!!

      Delete
  2. Mi piace!
    Magari non ad unghia piena ma mi fa venire in mente tremila nailart dove potrei utilizzarlo!

    ReplyDelete

Your comments feed my blog. Don't be shy!

 

My Lovely Followers

Follow Me by Email

Google+ Badge

All Around The World