Rescue Remedy#4 Olio di Melaleuca aka Tea Tree Oil aka La Panacea

 Col dì de'a Candeòra
de l'inverno semo fora;
ma se piove o tira vento,
de l'inverno semo ancora 'rento. 

Indovinate oggi che fa?
Esatto.
Quindi questo sabato ce ne stiamo bel belli a casetta. Lasciamo i maschietti a fare le loro cose da cromosoma Y, magari spaparanzati davanti al televisore per la partita del 6 Nazioni, e noi femminucce ci prendiamo un po' cura di noi, vi va?




Era da un po' che non scrivevo un post per la categoria Rescue Remedy, e oggi ne approfitto per illustrarvi La Panacea, l'olio essenziale di Melaleuca, meglio noto come Tea Tree o Albero del tè.
L'Albero del Té arriva dall'Australia ed è una miniera d'oro. Il suo olio essenziale ha proprietà antisettiche, antibatteriche, antimicotiche e antivirali. Sì, tutto ciò in un unico olio essenziale.
Lo scorso anno ho dovuto curare una brutta micosi - che si sta ripresentando ma molto meno invasiva che in passato - e la podologa mi ha dato come terapia qualche goccia di tea tree da stendere sull'unghia tutti i giorni per un mese.
Questo perché l'olio essenziale di Melaleuca è un potente antibatterico (ecc. ecc.), ma bisogna applicarlo con costanza per un periodo medio lungo.
Perché vi sto raccontando questa favoletta?
Perché anche le dita delle mani possono incappare nelle micosi ungueali, che se non curate s'incroniciscono diventando rogne niente male. Poiché gli oli essenziali sono venduti in flaconcini col contagocce, scomodi per le applicazioni sulle unghie, il mio consiglio è quello di travasare il contenuto del flacone in una vecchia bottiglia di smalto vuota (e pulita) e fatta ben asciugare. Col pennello del vecchio smalto vi sarà più facile raggiungere quelle zone poco comode senza aspergere voi e il vostro bagno di olio essenziale.




Io ho usato un vecchio flaconcino di un prodotto apposito per le micosi. Il mio è da 3,3 ml, quindi va da sé che dovrò rabboccarlo più di una volta.
Io lo consiglio a chi porta il gel sulle unghie, spesso il materiale usato non è buono, oppure gli strumenti non sono pulitissimi o sufficientemente igienizzati e potreste ritrovarvi con una brutta micosi sulle dita (era l'incubo della mia manicurista. Chissà come mai...).






Ma l'olio di Melaleuca può essere usato anche per altri problemi, dalle gengiviti, all'herpes ai problemi delle mucose femminili. Prima, però di usare questo prodotto in maniera sconsiderata, consultate un medico per avere una giusta diagnosi del vostro problema. L'autodiagnosi non è mai corretta, perché parte da dati che spesso non riusciamo ad elaborare correttamente, scambiando i sintomi tra di loro. Non avete idea delle pazienti che telefonavano a studio annunciando "Ho la candida!!!" ed invece erano sane come pesci...

Fatta questa doverosa precisazione, l'olio di Melaleuca (che rammento dava il nome ad una linea de The Body Shop per le pelli a tendenza acneica) è fenomenale sui brufoli. Avete presente quelle bolle bianche che spuntano sul viso come funghi dopo la pioggia? Bene. Due gocce di O.E. di Melaleuca alla sera e passa la paura. Il brufolino - PAF - rientra nei ranghi e scompare, senza lasciare traccia. Nel giro di una notte. Roba da gridare al miracolo.
Sconsigliato l'uso puro su tutto il viso, e sconsigliato fare delle applicazioni prolungate di tea tree oil non diluito sulla pelle del viso. Io sto parlando di un rescue remedy, di un trucchetto dell'ultimo istante per semplificarci la vita. Se avete problemi di acne, potrebbero fare al caso vostro delle pomate e delle lozioni con concentrazione al 20%, da usare per un certo periodo; consultate un dermatologo oppure il farmacista, il quale vi potrà fornire una soluzione medica ad una questione medica. Consultate il vostro medico. Mi raccomando.

L'olio essenziale di Melaleuca costa sui 6,30 euro per 10 ml di prodotto.
Va conservato in al riparo dal sole e dalle alte temperature, per preservarne le proprietà curative.
Io lo conservo in un mobile del bagno lontano dalla luce (Quale luce?), mentre il prodotto travasato si trova assieme alle basi e all'indurente. Il mio consiglio è di applicarlo sulle unghie con costanza, almeno una volta al giorno, per una settimana (non portate lo smalto, vi conviene), e di riapplicarlo al cambio smalto. Basta stenderlo e massaggiarlo fino a completo assorbimento. È un passaggio in più, me ne rendo conto; ma ne vale la pena.


Orbene: il tempo a mia disposizione è scaduto (vorrei avere giornate da 72 ore, vorrei), e non mi resta che salutarvi e darvi appuntamento al prossimo post.
Buon sabato. Pure se sotto la pioggia.


Acque pacate e dolci risate finché non ci rincontreremo

 

My Lovely Followers

Follow Me by Email

Google+ Badge

All Around The World