St Patrick's Day - Orly Lucky Duck

Shamrock!!!

Oggi è San Patrizio, il patrono d'Irlanda. Questa festività è molto popolare nei paesi anglosassoni, a causa della forte presenza di immigrati irlandesi (e penso agli Stati Uniti), che, come noi italiani, hanno cercato di far fortuna altrove, mentre da noi si sta diffondendo pian piano, grazie anche alla globalizzazione. Sì, con noi c'azzecca davvero poco, però è bello avere una scusa per stare insieme vero? Che festeggiate alzando calici di birra o di sidro, o semplicemente vestendovi di verde, buon S. Patrizio a tutti!
Per quest'oggi ero indecisa su quale smalto sfoggiare, così mi sono detta, memore del fioretto con cui ho aperto il blog, "Perché non tentare una gradient?".
(RISATE)




Io ho provato, coadiuvata anche da mio marito, seguendo il tutorial di Sara, a realizzarne una, ma qualcosa dev'essere andato storto di brutto brutto brutto, visto che il risultato è stato questo:





Ok, l'allenamento rende perfetti. Ok, nessuno riesce al primo tentativo. Ok, ci riproverò. Appena capirò dove e come ho sbagliato. :-) Devo dire che le nail art sono divertenti perché tirano fuori il lato creativo delle persone. È stata una bella esperienza coinvolgere mio marito nella scelta dei colori e nell'applicazione pratica del tutorial. Ho anch'io un piccolo aiutante (Chiamalo piccolo, quasi due metri di fanciullo... )!
Poiché la gradient è diventata una camo - alla fine - ho scelto di mostrarvi questo smalto, Orly Lucky Duck, che fa parte della collezione Birds of Feather (P/E 2011). Si tratta di una lacca color verde smeraldo. Asciugatura nella media delle lacche, buona durata (ma se usate un buon top coat è meglio) e veste bene la mano, anche delle mozzarelle come me. Molto simile al Jade is the New Black di OPI, mi è piaciuto così tanto da comprarne due esemplari... e tenerne nascosto uno dei due!
Basta ciance, spazio alle foto e alla birra (per me una pinta di sidro, grazie)!!!












Piaciuto? La luce non ha aiutato affatto, anzi. Voglio il soooleeeeee!!!
Ricordatevi di dare un'occhiata ai post delle altre follette verdi! Se non visualizzate i link, scegliete la versione "classic" del template.
 Vi auguro un buon San patrizio e alla prossima!
 Acque pacate e dolci risate finché non ci rincontreremo


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

18 commenti:

  1. Non ho ancora mai tentato neanch'io una gradient di creme, e penso sia più difficile di quello che sembra! Dovresti provare con una glitter gradient, che secondo me è più semplice e dà ottimi risultati!! L'Orly è comunque molto bello ^____^ Una pinta di sidro anche a me, che mi piace molto!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Dalle mie parti si dice "Nessuno nasce imparato", e ogni tanto tendo a dimenticarmi di questa verità. XD Dici che la gradient coi glitter sia più semplice? Io ho provato già quella coi neon, e non è stata cosa. Affatto. Proverò. Intanto, eccoti la tua pinta! Cheeers!

      Delete
    2. Che bella collezione la Bird of a feather, alla fine li ho presi tutti i 6 smalti *___* Mi fa morire dal ridere la tua seconda boccetta nascosta... ;D

      Prosit col sidro!

      Delete
    3. Io ho lasciato sullo scaffale il Peachy Parrot (si chiamava così?), il rosa pesca perlato.
      Sì, la boccetta sepolta a mo' di tesoro (o di osso del cane) ha lasciato perplessa anche me. :)

      Delete
  2. Oddio, cosa mai sarà andato storto? O.ò
    Io sono incapace con la maggior parte delle cose ma le gradient sono fra le poche cose che mi riescono! :(
    E devo anche dire che il tutorial di Sara spiega pressoché perfettamente il tutto! u.u
    Forse è solo questione di caso?
    Io comunque uso sempre almeno 3 colori, usando il più caro anche come base... Prova un'altra volta, secondo me è caso ^^
    Buon San Patrizio, cara ^^

    ReplyDelete
    Replies
    1. Appunto, il tutorial di Sara è a prova di demente! C'è da dire che il top coat ha avuto effetti inaspettati: prima ha riempito la superficie di bolle (quei crateri che vedete nelle foto), poi si è ritirato dalle punte verso l'interno portandosi via lo smalto. Un film dell'orrore, insomma! Ho cominciato col più scuro, forse sta tutto lì, l'errore? Mah.
      Buon San Patrizio anche a te.

      Delete
  3. Finalmente riesco a commentare anche con questa grafica! *squilli di trombe* XD
    Come hai provato a fare la gradient? Io metto il colore di base, poi quando è asciutto spugno su solo il colore più chiaro ma intingendo la spugna in una macchiettina di colore. Mettere lo smalto direttamente sulla spugna non mi piace perché mi coloro anche tutte le cuticole :D

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ho seguito il tutorial di Sara (trovi il link nel post): smalto di base (chiaro lei, scuro io), 4 colori miscelati su una custodia di plastica, cuticole protette con lo scotch, spugnatio sull'unghia, due volte, la seconda quando la prima era già asciutta. Forse devo solo prenderci la mano. E magari usarne due, invece di ventordici. ;-)

      Delete
  4. Lo sai vero che per come è venuta la gradient sarebbe stata una base PERFETTA per una galaxy verde??? Non dovevi fermarti!!!!!!!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì, e come li avrei spiegati quei crateri? Buchi neri nei cieli di Aldebaran? XD

      Delete
    2. Ottimista! Però è una bell'idea quella della gradient come base per la galaxy. Ci riproverò.

      Delete
    3. Mi intrufolo nella risposta di Simona perché anch'io ho pensato a quello quando ho visto la foto!
      Il risultato mi ricorda proprio una nebulosa *__*

      Sull'Orly nulla da dire...è molto molto bello pur non essendo nelle mie corde :D

      Delete
    4. Ah, ah, temo che se fosse stato tutto virato sul giallo avrebbe dato l'idea dell'atmosfera di Giove! Ok, ci proverò con la galaxy verde. <3

      Delete
  5. Secondo me è stato l'aiutante a complicarti la gradient :D
    Io comunque non ho mai osato andare oltre i due/tre colori (di solito uno è quello steso come base); già così con i laccati son cavoli a fare una gradazione non netta.
    Per prendere la mano vai di glitter gradient (anche con i vecchi Kiko microglitter o con i B by Limoni simil Zoya), si sfumano benissimo.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ma no, povero! Anzi, è stato bravissimo a scegliere la giusta scala di verdi e ad incerottarmi le dita con lo scotch! :D
      Proverò a seguire il consiglio di usare i glitter, così, magari, è la volta buona che li uso! ;P

      Delete
  6. Mucho bello l'orly *__*
    L'esperimento di gradient... Ritenta, sarai più fortunata! XD Cmq l'idea di simo della galaxy verde ci sta eh!!!!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Nel frattempo, nei cieli di Orione...
      Ci proverò, visto che siete in tre a caldeggiare la galaxy green! Promesso.

      Delete

Your comments feed my blog. Don't be shy!

 

My Lovely Followers

Follow Me by Email

Google+ Badge

All Around The World