[The Rainbow Ladies 2.0] Blue Nubar Royal Blue



Buon venerdì, signore e signorine all'ascolto.
Quello di oggi sarà un post programmato, per cui quando leggerete queste righe io non solo sarò molto, molto lontana dal mio pc, ma anche - si spera - in altre e più piacevoli faccende affaccendata.
Il post di oggi è dedicato al blu.
In pratica, iniziamo a tirare fuori l'artiglieria pesante!






Oggi va di scena il blu e oggi festeggiamo il nostro quinto anniversario di matrimonio. Capite, adesso, perché questo è un post programmato?
*ammicca*
In più, domani è un giorno speciale (si sposa una mia amica, riso e fiori d'arancio, signora), quindi, cosa potevo tirare fuori dal cilindro se non uno smalto speciale?
Ma andiamo con ordine.
Qual santo di mio marito cosa mi ha regalato per il nostro anniversario?
(Domanda difficile, nè?)
Esatto. Degli smalti.
(Maddai?!?!)
Tra cui questo signorino qui, col suo bel blu porcellana. Potevo esimermi dal mostrarvelo? Certo che no!
Del resto del regalo ve ne parlerò a brevissimo, promesso. Intanto, "accontentatevi" del blu della cucciolata. 



Nubar Royal Blue è un delizioso smalto dal finish laccato, declinato in un blu medio. Il blu medio, per cpairci, è quello delle decorazioni sulla porcellana. Avete presente quei piatti con decorazioni agresti? Ecco.
Quelle che vedete sono due passate, senza top coat e senza alcun segnaccio. Il pennello di questo smalto non mi ha dato problemi. Anzi. Il clean-up è stato minimo. Giusto per.
Il colore è molto pigmentato e profondo. La formula è buonissima (tranquille, non l'ho ancora assaggiato), l'asciugatura è ultra rapida e la resistenza si attesta attorno ai tre giorni. A patto di non lavare i piatti a temperature troppo alte (no, non ce l'ho la lavastoviglie, io. Problemi?), o si sbuccerà come una cipolla...




Vi ho già mostrato uno smalto Nubar lo scorso anno (qui, per gli smemorati), sempre blu. Come dire: sfondiamo una porta aperta! La Nubar è una marca che ho conosciuto da poco, ma che posso dire che mi piace molto. È una 3-Big Free (senza Toulene, Formaldeide e DBP) e, in più, è 100% Cruelty Free e Vegan. Ne consegue, non solo che i suoi prodotti sono puliti eticamente parlando, ma anche che non troverete componenti animali nelle sue formule.




Ed ecco una foto scattata in interni. Non c'è top coat, sulle mie unghie. Lui è lucidissimo così di suo. Tutta natura, insomma. In interni è più scuro, mentre sembra più chiaro en plein air. O la mia fotocamera s'è fatta un goccetto a mia insaputa.
Ad ogni modo, io adoro indossare gli smalti blu. Mi piace l'idea di calma che riescono a trasmettere, sia che si tratti di una tinta scura, che di una tinta chiara. Il blu è meditazione, solitudine e calma. E più è scuro, più mi sento bene. Non so voi, ma a me sembra di portare un pezzo di mare con me. Onda su onda, insomma.


No, dico: non è meraviglioso?
E mentre voi vi perdete nel blu dipinto di blu, e io me la spasso carina carina carina, e la mia amichetta vive le sue ultime ore da signorina, vi ricordo di fare un salto a trovare le mie amichette e le loro scelte per questa puntata.
Noi ci vediamo la prossima settimana con un altro appuntamento delle Rainbow Ladies con la mia bestia nera.
L'indaco.
(ZANZANZANZAAAAAAN!!!!)









P.S.: tanti auguri di cuore, C!


Acque pacate e dolci risate finché non ci rincontreremo




 

My Lovely Followers

Follow Me by Email

Google+ Badge

All Around The World